Ministero della pubblica amministrazione

logo

Seguici su

ARGO FAMIGLIA
ARGO  Docenti Ata
Intranet Docenti
ORARIO DIURNO
ORARIO

SHOW&TELL

Il progetto, organizzato congiuntamente da Museo per la Storia dell’Università, dal Dipartimento di Fisica, dalla Collezione di Anatomia e dalle Scuole coinvolte (IIS Cossa, ITI Cardano, Liceo Copernico e Liceo Taramelli), nasce dalla consapevolezza che la cultura scientifica può aiutare a rendere il cittadino consapevole di sé stesso, della realtà in cui vive e delle sfide a cui è chiamato.

DiaLogo

Il progetto nasce con l'intenzione di dare voce agli studenti del Cossa: uno spazio aperto, dove parlare senza paura di giudizi e pregiudizi.

I problemi della scuola accanto a quelli del mondo reale, il punto di vista dei ragazzi sul mondo degli adulti, senza trascurare tutto ciò che ci sembra interessante o anche semplicemente divertente.

La nostra redazione è un luogo di confronto e di libera espressione, ma anche un laboratorio di giornalismo e una palestra di scrittura per affinare talenti e valorizzare diversità.


Primo Numero

Secondo Numero

I corsi ICDL ripartiranno con l'inizio del nuovo anno scolastico, gli interessati sono pregati di inviare una comunicazione al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Auguriamo buone vacanze!

Il "Ristorante Didattico"

Il progetto è sospeso e riprenderà con il nuovo anno scolastico.

Il “Ristorante Didattico” è finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa dell’istituto e all’arricchimento delle attività laboratori svolte dalle studentesse e dagli studenti. Una proposta innovativa che intende unire il sapere al saper fare e orientare le aspirazioni lavorative degli studenti ed aprire la didattica e l’apprendimento al modo esterno. Un'occasione di alternanza scuola – lavoro di eccezionale valore formativo per questi ragazzi svolta all’interno della loro scuola, supportati dai loro docenti direttamente a contatto con il pubblico.

Erasmus Plus

ERASMUS PLUS – EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

PROGETTO SHARAD


Il progetto SHARAD si rivolge alla popolazione carceraria e agli operatori che lavorano in modo istituzionale o informale con i detenuti. Inoltre per alcuni dei contesti dei partner, le proposte relative alla creazione di radio di comunità si rivolgono anche a:

  • gruppi di ex-detenuti sul territorio, coinvolti nel processo di reinserimento e a in attività di giustizia riparativa,
  • docenti e studenti dei percorsi di istruzione degli adulti.

Guarda il video della presentazione nel sito realizzato per il progetto Sharad.

Capofila:

 

Partner:

Sharad nasce dalla considerazione che una forte esigenza espressa dalla comunità carceraria è quella di rappresentare e auto-rappresentarsi attraverso la narrazione della realtà sociale e umana all'interno degli istituti di detenzione. Si tratta di una società complessa, come lo è la società esterna, ma che non trova una voce credibile che la racconti; una società quindi per la quale il miglioramento dei dispositivi comunicativi e delle strategie di rappresentazione può diventare un forte elemento di valorizzazione e di conoscenza.

Per l'elaborazione di tali strategie appare fondamentale l'utilizzo di modalità creative di rappresentazione di sé, anche attraverso l'acquisizione di linguaggi artistici (comunicazione verbale e non verbale, linguaggio iconico, strumenti e codici audio-visivi).

Il momento che riassumerà e darà coerenza e articolazione a tali attività sarà la radio digitale che verrà creata all'interno di ogni contesto e che sarà il canale attraverso cui tale rappresentazione potrà prendere forma ed essere comunicata.

I soggetti che si faranno carico di questa proposta formativa sono in primo luogo i docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado che svolgono corsi istituzionali all'interno del carcere. Essi lavoreranno sul tema delle strategie comunicative, collaborando in modo sinergico con quegli operatori che intervengono nell'istituzione carceraria con proposte e attività informali di tipo educativo, creativo e artistico. Il tutto utilizzando gli strumenti digitali (e la didattica a distanza, laddove questo si riveli necessario e con le modalità consentite dalla situazione carceraria) anche in situazioni non di emergenza, in quanto saper usare in modo competente tali mezzi di comunicazione (in termini ricettivi e produttivi) rappresenta una risorsa fondamentale sia per coloro che attendono di essere reinseriti nella società, sia per coloro la cui permanenza nel luogo di detenzione sarà di lunghissima durata.

I fondamenti tecnici e le competenze basati su tali acquisizioni sono obiettivo essenziale per i detenuti, ma anche per gli operatori: strumenti per consentire di costruire reti comunicative, sia interne tra i carcerati e tra gli operatori, sia aperte verso l’esterno, con la possibilità di interconnettere queste realtà senza farle collassare su un’unica struttura.

La possibilità di mettere a disposizione della società esterna al carcere almeno parte delle produzioni dei carcerati, attraverso l’apertura della radio a uditori esterni, favorirà un avvicinamento del pubblico extra-carcere alla realtà carceraria e, in direzione opposta e complementare, favorirà l’inclusione sociale dei detenuti, almeno su un piano virtuale, nell’attesa di un ritorno reale nella società alla fine della pena.

Anche gli ex-detenuti in via di reinserimento e soprattutto i soggetti coinvolti in percorsi di giustizia riparativa potranno essere soggetti obiettivo per il progetto. Questo diverso paradigma di giustizia nasce dal bisogno di un procedimento diverso rispetto a quello tradizionale e punta sulla partecipazione attiva della vittima, del reo e della stessa comunità civile, facendo sì che gli stessi attori del reato si occupino di ovviare alle conseguenze del conflitto facendosi carico della riparazione, della ricostruzione e della riconciliazione, con l'obiettivo non di punire ma di rimuovere le conseguenze del reato attraverso l'incontro tra le parti e con l'assistenza di un mediatore terzo e imparziale.

PRODOTTI

  1. OUTPUT 1 – COSTRUZIONE PIATTAFORMA PER LA DIFFUSIONE DEI PRODOTTI
  2. OUTPUT 2 – KIT PER IL FORMATORE

ATTIVITÁ DI FORMAZIONE

  • 1° SEMINARI DI FORMAZIONE – IN PRESENZA (Pavia/Milano) 27-29 SETTEMBRE 2021 Si tratta di un seminario di formazione rivolto a docenti e operatori che andranno ad operare nei diversi contenti. Il seminario ha come finalità l’acquisizione di competenze per la realizzazione di una webradio
  • 2° SEMINARIO DI FORMAZIONE (Portogallo – primavera 2022) Durante il seminario saranno messi a disposizione i prodotti realizzati dalle radio digitali interne al carcere e quelli costruiti nella rete esterna delle radio web. Sarà sviluppato un kit per avvicinare le persone in detenzione e i giovani in reinserimento alla comunicazione radio e saranno forniti strumenti per l'utilizzo di filmati video.

EVENTI MOLTIPLICATORI PER LA DIFFUSIONE DEI PRODOTTI

Gli eventi moltiplicatori verranno realizzati in 3 contesti diversi:

  1. Pavia/Milano (Amici della Mongolfiera e SHARERADIO),
  2. Aix-en-Provence
  3. Bucarest

URP

Istituto di Istruzione Superiore Statale "Luigi Cossa"
Viale Necchi, 5
27100 Pavia (PV)
Tel: 038233422
PEO: pvis01200g@istruzione.it
PEC: pvis01200g@pec.istruzione.it
Cod. Mecc.: pvis01200g
Cod. Fisc.: 96077960183
Cod. IPA:  iislc
Fatt. Elett.: UF9L6W